Passa ai contenuti principali

Consiglio 17 per un Business Creativo:
ATTIVITA' DI VENDITA PER HOBBY

Oggi ho trovato finalmente il tempo di scrivere un post che TANTISSIME/I di voi mi state chiedendo da tempo, soprattutto via mail. Mi capita spesso di rispondere ai vostri dubbi su Etsy oppure su come partecipare ad un mercatino o su come fare le foto alla vostre creazioni, e ultimamente molti mi hanno chiesto come devono comportarsi dal punto di vista FISCALE ?? Questo mi ha fatto molto piacere perché significa che state iniziando a prendervi davvero sul serio e forse a trattare il vostro hobby creativo con un pizzico di professionalità in più.

Premetto che questa non è mia materia (e consiglio a tutte/i voi di rivolgervi per sicurezza al vostro commercialista di fiducia), ma siccome ricevo tante e-mail che mi chiedono almeno una piccola spiegazione di cosa possa significare iniziare una vera ATTIVITA' basata sul proprio hobby, penso possa essere molto utile fornire alcuni consigli.

Ecco qui di seguito alcuni esempi di domande ricevute:

"Ho una sola domanda in questo momento: un negozio on-line a quale regime fiscale è sottoposto? cioè: non vorrei dalla prima pagina di Etsy ritrovarmi sulla prima pagina di qualche giornale come evasore fiscale, no?"

"Una cosa non mi è chiara e spero tu sia in grado di aiutarmi; è necessario aprire la partita iva per vendere su Etsy? Come ci si pone col fisco italiano? Grazie a presto."

"Senza riaprire la partita iva ... tu come gestisci le vendite on line? C'è bisogno di ricevute? Come gestisci a livello fiscale?"

Dunque ecco quello che so: per quanto riguarda le creazioni manuali, fatte completamente a mano e frutto del proprio ingegno la legge italiana stabilisce un tetto massimo di introito (che non mi ricordo di quant'è) sotto al quale non sei obbligata al dichiarare nulla, e non serve P.IVA. L'importante è però anche che sia solo un introito SALTUARIO (ossia un mercatino ogni tanto o una vendita online ogni tanto) e che quindi non sia la tua fonte di guadagno principale.

Ho trovato molto utile questo articolo tratto da LINEAAMICA.GOV
Esercizio attività di vendita per hobby o hobbismo: requisiti amministrativi e fiscali

Domanda: L'attività di vendita hobbista è lecita o abusiva? Quali sono i requisiti amministrativi e fiscali per poter svolgere l'attività di esposizione e vendita per hobby al pubblico?

Risposta: L'attività di vendita dell'hobbista è, agli effetti di legge, un'attività commerciale di tipo occasionale. Dal punto di vista degli obblighi amministrativi essa è disciplinata con legge regionale, avendo ciascuna regione dello Stato italiano competenza esclusiva in materia di commercio (art. 117 della Costituzione). Gran parte delle regioni non fanno alcun riferimento ad obblighi di iscrizione in registri presso la Camera di Commercio. Nei casi in cui non vi sia obbligo d'iscrizione, per poter esercitare l'attività di vendita su area pubblica a titolo non professionale, occorrerà solo essere in possesso dell'apposita autorizzazione al commercio, almeno in una delle sue varie forme: annuale, stagionale o temporanea da richiedere presso l'Ufficio Commercio Aree Pubbliche del Comune di riferimento (Art. 28 D.Lgs. n. 114/98).

Ai fini fiscali, è stabilito che per chi svolge saltuariamente attività di vendita c’è la possibilità di emettere ricevute con il proprio codice fiscale e denunciare a fine anno tali entrate eccezionali sul proprio 740. Le ricevute emesse con il proprio codice fiscale sono regolari ai sensi dell'art. 1, comma 1, del Dpr 696/96. Pertanto, se l'attività non è continuativa, ma puramente occasionale non c'è obbligo di partita iva, mentre l'obbligo fiscale può essere assolto denunciando i relativi redditi nel quadro RL del modello Unico, al rigo 13, come “diversi” ai sensi del DPR 917/1986, art. 81, lett. i), vale a dire “redditi derivanti da attività commerciali non esercitate abitualmente”; questi redditi parteciperanno alla formazione del reddito complessivo.

Spero che questa piccola spiegazione possa esservi utile. Per tutto il resto rimane il consiglio di rivolgervi al vostro commercialista. 

Vi lascio con una foto della nostra mansarda, o più precisamente di me che inizio a dipingere i muri della nostra bella cucina in azzurro (scattata a luglio 2010). Dopo il matrimonio anche noi abbiamo INIZIATO A FAR SUL SERIO nell'arredare casa nostra.

Tra un po' vi mostrerò alcune foto dei risultati ottenuti
(ma questa è un'altra
 sorpresa che ho in serbo per voi ...
e non voglio svelarvi nulla!)
Voi invece FATE SEMPRE SUL SERIO col vostro Hobby, mi raccomando. La creatività può diventare una risorsa molto importanteA presto con nuovi consigli.

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Consiglio 40 per il Business creativo: l'importanza del Packaging

"Per le api i fiori più attraenti sono quelli dai colori più vivaci. Sotto questo aspetto siamo un po’ come le api: siamo attratti da tutti i colori e le forme che spiccano."Quindi ecco il mio nuovo consiglio: fate attenzione al packaging! A volte quando si crea di spende tempo solo x le creazioni e mai x la confezione. Bisogna invece ricordarsi che il modo di presentare e di consegnare la vostra creazione nelle mani del cliente, è altrettanto importante. Pensate ad un packaging accattivante e soprattutto hand made. Nel maketing le confezioni dei prodotti sono progettate per farci desiderare il prodotto all’interno, sono studiate per farci sentire come bambini in un negozio di dolciumi.Ecco alcune idee che spero vi possano dare la giusta ispirazione!  A presto!(Img via Pinterest)

Consiglio 35 per il Business Creativo: Idee per dare i nomi alla tue creazioni

In questo consiglio speciale per il Business Creativo ecco alcuni consigli utili per dare un nome alle tue creazioni.

Prima di tutto sarà meglio specificare che dare un nome ad ogni singola creazione o almeno alle collezioni a tema è molto importante, serve a caratterizzarle, a renderle ancora più uniche e definire al meglio la loro peculiarità. Inoltre dare nomi curiosi può essere utilissimo per iniziare una conversazione col cliente e poter descrivere le tue creazioni a fondo. Quindi dare nomi è utile e divertente, ma può essere più difficile di quello che sembra.

Qui ho raccolto alcuni suggerimenti fondamentali che possono ispirarti:

1- Dare nomi in onore di amici o amiche. Questa tecnica può rivelarsi molto utile perchè anche altre persone con quello stesso nome potrebbero essere attirate ed acquistare la creazione. Inoltre incuriosisce e crea mistero, ancora più se il nome è seguito da un aggettivo, tipo "Amy, la dolce" o "Lucia, temeraria".

2- Puoi creare collez…

Consiglio 23 per un Business Creativo: TANGRAM
FAI-DA-TE PER SVILUPPARE LA CREATIVITA'

E' da un pò che non pubblico i CONSIGLI PER UN BUSINESS CREATIVO. Eravamo rimasti al numero 22 intitolato "9 SUGGERIMENTI PER DIVENTARE UN MIGLIORE VENDITORE ONLINE"(che potete leggere qui) ed ora recupero subito con questo consiglio che spero apprezzerete!

E' qualcosa di speciale scritto anche per festeggiare le mie 36000 visite di settimana scorsa, GRAZIE a chi mi segue!

Un pò di tempo fa vi ho parlato dei MANDALA: colorare un mandala non è semplicemente come colorare un disegno qualsiasi, ma può essere un'esperienza illuminante per ritrovare se stessi. Si tratta di un'attività di meditazione e introspezione, molto rilassante e sorprendentemente efficace per ritrovare l'ispirazione creativa. Chi non li ha ancora scoperti può leggere qui e scaricare il mandala che preferisce da colorare.

Da allora, tengo sempre in un cassetto della mia secretaire personale una busta trasparente con alcuni MANDALA stampati e pronti da colorare. Alcune sere ne sento il biso…